Posted on feb-27-2009

Le Ricorrenze in Australia

Australia, un paese dove è sempre festa!

Gli australiani sono un popolo che ama divertirsi, mangiare e bere in compagnia, il tutto allietato da musica e quant’altro. Non c’è evento di qualsiasi rilevanza, all’interno di un nucleo familiare, che non meriti di essere omaggiato mediante l’organizzazione di un allegro barbecue in giardino, in spiaggia o nel parco in compagnia degli amici di sempre. Dai simpatici convivi del vicino della portata accanto, si passa alle grandi celebrazioni in occasione di feste nazionali o alle manifestazioni enogastronomiche o, ancora, ai festival culturali. Non è, quindi, difficile avere la fortuna di trovarsi in Australia proprio in occasione di una festa, di una ricorrenza o addirittura essere invitati ad un succulento “barbie” solamente perché in quel momento vi ritrovate a passeggiare in quel giardino pubblico o siete sdraiati in spiaggia dove è in corso un’allegra festicciola.

Capodanno sulla Baia di Sydney

Capodanno a Sydney

Avendo già deciso il proprio itinerario ed il periodo, è possibile fare una interessante carrellata dei numerosi eventi che hanno luogo in Australia durante tutto l’anno. Appena smaltita la sbornia e i festeggiamenti del veglione di fine anno che, soprattutto nella scintillante Sydney, è uno degli eventi coreograficamente più entusiasmanti al mondo grazie al magnifico spettacolo pirotecnico al Porto di Sydney allo scoccare della mezza notte, ha inizio il Capodanno Cinese che coinvolge centinaia di migliaia di persone ogni anno. Anche in questo caso, la Chinatown di Sydney, la più longeva e numerosa, organizza uno tra i più fastosi Capodanni Lunari fuori dall’Asia, con un nutrito calendario di eventi che si sviluppano durante ben tre settimane. Da non perdere la suggestiva e colorata Parata.

Australia Day

Australia Day

Siamo sempre in gennaio quando hanno inizio le celebrazioni dell’ “Australian Day”. Il giorno 26 gennaio, infatti, è la festa nazionale ufficiale australiana in ricordo dello sbarco del Capitano Arthur Phillip a Sydney Cove, quando issò la bandiera Britannica per celebrare l’arrivo degli insediamenti europei in Australia nel lontano 26 gennaio 1788. E’, in assoluto, il momento per gli australiani di qualsiasi estrazione sociale di celebrare l’unità della loro nazione, per apprezzare il proprio patrimonio culturale e la storia del paese, per avere una parte attiva all’interno della comunità e per ricordare i pionieri coloniali. E, anche in questo caso, il viaggiatore che si trova in Australia in occasione di tale ricorrenza, potrà prendere parte ai numerosi concerti musicali all’aperto che vengono organizzati durante tutto il giorno, visitare interessanti mostre ed esibizioni culturali il cui ingresso è omaggiato in occasione di questa ricorrenza, ammirare fantastici fuochi d’artificio alla stregua del veglione di San Silvestro.

Sempre a gennaio, per gli amanti della musica country, assolutamente da non perdere, è il Country Music Festival che ha luogo a Tamworth, nel New South Wales. Per un’intera settimana, infatti, più di 800 artisti si esibiscono in circa 2000 spettacoli, per lo più gratuiti, fino a che non si arriva a decretare il vincitore delle “golden guitars”, il più ambito premio per la musica country australiana. Restando ancora in estate, naturalmente l’estate australe, davvero pittoresco e unico da vivere, è l’ormai famoso oltre confini “Sydney Gay and Lesbian Mardi Gras” che è uno dei più grandi festival della comunità gay nel mondo (secondo solo al gay pride di San Paolo, in Brasile). Ha luogo ogni anno a febbraio e, nonostante il nome che può trarre in inganno, non si svolge durante la giornata del martedì grasso del nostro Carnevale, per intenderci, né di martedì. Il nome deriva infatti dal nome francese “mardi gras” del carnevale di New Orleans, retaggio del periodo in cui la città era governata dai francesi, passato, poi, nell’inglese d’America a indicare un festeggiamento di tipo carnevalesco in senso ampio.

La locandina del Mardi Gras 2008

Locandina del Mardi Gras 2008

Attualmente il Sydney Gay and Lesbian Mardi Gras è un festival che dura circa tre settimane, tra febbraio e marzo, comprende eventi culturali, artistici e sociali e prevede un party pomeridiano, chiamato Fair Day, la parata che percorre per un chilometro e mezzo il cuore di Sydney nonché l’arteria principale del quartiere gay, Oxford Street ed un party finale. Anche trovarsi a Sydney in occasione del colorato Sydney Mardi Gras è davvero un’occasione da prendere al volo per ammirare come semplice spettatore e, perché no, per prendere parte alla chiassosa e scalmanata parata, con musica e balli coinvolgenti, come solo la musica e l’arte in genere può fare, superando ogni pregiudizio e discriminazione di qualsiasi natura. A migliaia di chilometri di distanza dalla cosmopolita Sydney, dietro la parvenza di una tranquilla città australiana, Adelaide vince la palma d’oro quale egregia organizzatrice di eventi artistici e musicali, a livello sia internazionale che locale.

Decisamente una “manna dal cielo” trovarsi, a marzo di un anno pari, nella capitale del South Australia in occasione dell’Adelaide Festival of Arts, durante il quale, sono presentati spettacoli di danza, prosa e lirica e altro ancora, di compagnie australiane ed internazionali. E sempre restando ad Adelaide, importante è il Glenelg Jazz Festival e il Fringe Festival dove si possono applaudire comici e cabarettisti australiani, europei ed americani. E chissà, se siete fortunati, avrete modo di veder calcare la scena alcuni dei comici di casa nostra che, solitamente, applaudiamo a Zelig. E l’elenco dei festival, manifestazioni culturali ed enogastronomiche, competizioni sportive a dir poco strane, basti pensare alla “Beer Can Regatta” che si disputa ogni mese di luglio a Darwin e vede in gara imbarcazioni completamente costruite con lattine di birra, si susseguono tutto l’anno e per tutta l’Australia a tal punto, da poter meritatamente asserire, che in Australia è sempre festa!

Tagged Under : , , , ,

Posted on feb-24-2009

Le città australiane

Terra di contrasti, natura selvaggia e metropoli modernissime

Di ritorno da un soggiorno in Australia, chiunque riferisce che la prima sensazione provata nel visitare i centri urbani di questo “giovane” continente, è quella di trovarsi in città senza storia, se comparate a quelle del Vecchio Continente che, generalmente, hanno avuto i natali ben prima della nascita di Cristo. Chi, infatti, è abituato a transitare ogni giorno davanti ai Fori Imperiali e si è dovuto studiare, fin dalle elementari, la storia dall’Impero Romano ai nostri giorni, sicuramente non potrà che sorridere quando, in occasione di visite guidate delle città australiane si fermerà davanti ad edifici risalenti al massimo al XVIII secolo o, nell’apprendere la storia dei primi grandi esploratori europei giunti in terra australiana, ascolterà le gloriose avventure dell’onnipresente Capitano Cook, descritto dagli australiani alla stregua di un condottiero di Epoca Romana!

canguri

Canguri a Perth

Certo, se si pensa di visitare le città australiane e di metterle costantemente a confronto con la storia e la cultura europee, si può correre il rischio di restare delusi. Il modo giusto per organizzare un soggiorno di qualsivoglia natura in Australia, è quello di pensare a qualcosa di completamente diverso da ciò che siamo normalmente abituati a vedere e, diverso, non vuol dire meno bello! Così facendo, visitando la cosmopolita Sydney o la vittoriana Melbourne, apprezzerete ed invidierete la precisione geometrica con cui questi centri urbani sono stati disegnati ed ammirerete la spiccata attenzione per il rispetto della natura, decisamente tutta australiana, che le amministrazioni pubbliche sono state in grado di dimostrare con i fatti e non solo a parole.

Meravigliosi giardini botanici immersi nella frenesia del centro urbano, modernissimi Exibition Center con un calendario di eventi nutrito e per tutti i gusti, una vivace vita sociale favorita dal clima mite un po’ tutto l’anno, sono solo alcune delle piacevoli variabili che si possono incontrare in Australia. Anche l’isolata Alice Springs, nel bel mezzo del Deserto Rosso, esercita un fascino tutto suo nonostante il caldo, la natura brulla e, perché no, le strade impolverate. Trovarsi nel cuore dell’Australia, a ore ed ore di distanza da qualsiasi altro centro urbano, vivere l’emozionate esperienza di incontrare per strada i discendenti degli aborigeni, i “veri autoctoni” di questo immenso continente, visitare la base dei “Royal Flying Doctor”, sede dei caratteristici “Dottori Volanti”, il solo mezzo di soccorso in grado di intervenire il più tempestivamente possibile nelle emergenze mediche in queste distese impervie e sconfinate, regalano emozioni forti e così uniche da non poter essere facilmente dimenticate.

Sydney

Sydney

E’ proprio il rapportarsi con realtà e stili di vita così lontani e diversi rispetto ai nostri il punto di forza di queste città che diventano graziose anche quando hanno davvero poco da offrire. A ciò si aggiunge il “melting-pot” di razze, culture, religioni e lingue che coesistono in modo equilibrato nei grandi centri urbani australiani, nati e cresciuti grazie all’ingente flusso migratorio proveniente dall’Europa e dall’Asia. E ancora una volta, come è anche accaduto negli Stati Uniti, le abitudini culinarie di Paesi diversi diventano un motore trainante di integrazione, sviluppo, e cultura. Sì, anche se si tratta di una “manciata di giorni”, vale ugualmente la pena di pianificare una sosta in una o più città australiane: non solo per vedere dal vivo la famosa Opera House, l’Harbour Bridge, il Kings Park o quant’altro ma anche per approfittare della piacevole possibilità di assaporare, ad ogni pasto, specialità delle cucine di tutto il mondo, dalla giapponese alla balinese, dalla francese all’indiana, per non parlare poi della mitica carne di coccodrillo e di canguro rigorosamente “made in Australia”.

Tagged Under : , , , , , , ,

australia l  nuova zelanda l  isole fiji l  polinesia l  altre destinazioni l  informazioni l  itinerari l  crea itinerario l  liste nozze l  contatti l  chi siamo l  dove siamo l  newsletter l  blog l  reception on line l  viaggi individuali l  viaggi di nozze l  viaggi di gruppo l  viaggi avventura l  termini e condizioni l  mappa del sito l  cookie
realizzato da pensareweb - copyright 2008